Close

Ecco la nuova Bagnoli: un grande parco e l’Italsider diventa una ‘fabbrica del benessere’

NAPOLI – “Bagnoli è stata per anni sinonimo di inefficienzaQuesto progetto restituisce il nome antico al futuro di Bagnoli. Chiedo che da oggi non si parli più di Bagnoli, ma di Balneolis“. Francesco Floro Flores, commissario straordinario di governo per il risanamento ambientale e la rigenerazione urbana di Bagnoli-Coroglio, ha presentato così, nel corso di una conferenza stampa, il progetto vincitore del concorso internazionale di idee per definire il nuovo assetto paesaggistico di tutta l’ex area Italsider di Bagnoli, compreso il grande parco urbano esteso per 120 ettari dei 250 totali.

“Finalmente – ha aggiunto Floro Flores – i napoletani avranno modo di capire cosa sarà Bagnoli nei prossimi anni. Siamo convinti che quello che vedremo di qui ai prossimi anni a Bagnoli è quello che viene presentato stamattina. È il progetto, non uno dei tanti visti in questi anni”. Il primo classificato è un raggruppamento di 12 soggetti che nel loro ‘disegno’ della Bagnoli di domani hanno immaginato un ritorno all’ideale di ‘Campania Felix’. Da Posillipo il progetto si articola in tre diversi ambiti: il parco naturale, il bosco produttivo e il parco urbano con l’obiettivo di restituire a quel quartiere, vittima di inquinamento, il patrimonio naturalistico che aveva perso nei secoli. L’idea è di inserire differenti tipologie di vegetazione rispettando la stagionalità, in modo da dare maggiore appeal al parco di Bagnoli, che avrà molto da raccontare anche da un punto di vista cromatico. I progettisti hanno infatti preso spunto da località che oggi sono attrazioni turistiche, come i boschi di acero del Vermont o del New England o i ciliegi del Giappone durante la fioritura primaverile. Oasi e bagni termali con vasche a sfioro saranno inseriti in una grande aiuola d’acqua circolare immersa nella vegetazione della macchia mediterranea, oltre a un giardino didattico e a una radura di agrumi.


>>> Leggi l’articolo completo su dire.it